Relazioni con le istituzioni e le amministrazioni pubbliche

  • L’obiettivo delle relazioni istituzionali del Gruppo è innanzitutto rivolto alla diffusione di informazioni relative alla propria identità industriale
  • In Italia il Gruppo interagisce in un sistema di relazioni in cui sono coinvolti numerosi organismi istituzionali
  • Il Gruppo considera altresì fondamentale il rapporto con le istituzioni europee
  • Le relazioni istituzionali sono state particolarmente intense in Russia e in Messico

“Il Gruppo Pirelli mantiene con le pubbliche autorità locali, nazionali e sovranazionali relazioni ispirate alla piena e fattiva collaborazione, trasparenza, rispetto delle reciproche autonomie, degli obiettivi economici e dei valori contenuti nel Codice. Il Gruppo Pirelli intende contribuire al benessere economico e alla crescita delle comunità nelle quali si trova a operare attraverso l’erogazione di servizi efficienti e tecnologicamente avanzati. Il Gruppo Pirelli considera con favore e, se del caso, fornisce sostegno a iniziative sociali, culturali e educative orientate alla promozione della persona e al miglioramento delle sue condizioni di vita. Il Gruppo Pirelli non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa eventualmente applicabile”.
(Codice Etico – “Comunità esterna”)

L’ampia diffusione geografica degli interessi industriali ed economici del Gruppo Pirelli richiede un’estesa articolazione delle relazioni istituzionali che interessano la dimensione nazionale, comunitaria e internazionale. La creazione di stabili relazioni con le autorità istituzionali, sempre improntate alla massima trasparenza e collacollaborazione reciproca, rappresenta per Pirelli una condizione naturale in tutti i paesi in cui opera.

L’obiettivo delle relazioni istituzionali del Gruppo è innanzitutto rivolto alla diffusione di informazioni relative alla propria identità industriale. Investimenti, sviluppo di nuove tecnologie di processo e di prodotto, indici occupazionali ed elementi di sostenibilità ambientale e sociale sono al centro della nostra attività di relazione con gli interlocutori istituzionali, al fine di garantire una costante ed esatta comprensione delle attività svolte e degli interessi rappresentati.
Ogni valutazione relativa a tematiche aziendali con rilevanti impatti nell’ambiente politico-istituzionale, comprende un attento esame sulle implicazioni possibili anche attraverso un completo e trasparente engagement di tutti gli interlocutori istituzionali coinvolti nel processo decisionale pubblico.

Al fine di garantire un approccio congruente con le esigenze del Gruppo, particolare attenzione viene posta nella fase di analisi, non solo di carattere normativo e amministrativo, ma anche rispetto alle evoluzioni governative delle molteplici aree in cui Pirelli è presente con i propri insediamenti industriali.

In Italia il Gruppo interagisce in un sistema di relazioni in cui sono coinvolti numerosi organismi istituzionali. In ambito parlamentare effettua il monitoraggio di tutta la produzione legislativa d’interesse; concentra particolare attenzione sulle attività delle principali Commissioni permanenti di Camera e Senato, intervenendo a supporto dell’attività informativa parlamentare precedente l’attività di drafting. In ambito governativo, Pirelli mantiene relazioni costanti con le strutture della Presidenza del Consiglio e dei Ministeri dello Sviluppo Economico, dei Trasporti, dell’Ambiente, del Lavoro e degli Affari Esteri.

I temi maggiormente approfonditi durante gli incontri con i Ministeri hanno riguardato i progetti di reindustrializzazione nel territorio nazionale, procedure idonee alla sicurezza stradale, temi occupazionali, e varie opportunità di finanziamento per progetti di investimento, ricerca scientifica e tecnologica.

Il 16 giugno 2010, Pirelli e Autostrade per l’Italia hanno presentato a Roma, alla presenza di Altero Matteoli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, “Safe&Go”, campagna estiva per la sicurezza stradale, progettata e realizzata dalle due aziende: rivolta a tutti gli automobilisti che transitavano sulla rete di Autostrade per l’Italia, ha previsto un check-up completo delle gomme nei punti di controllo Pirelli dislocati sulla rete.

Il Gruppo considera altresì fondamentale il rapporto con le istituzioni europee - quali la Commissione, il Consiglio e il Parlamento - nella definizione degli obiettivi generali e delle politiche comunitarie. Il monitoraggio dell’attività legislativa e la partecipazione attiva al processo decisionale sui temi di maggior interesse (tra cui trasporti e sviluppo sostenibile, politica commerciale, mobilità urbana, ambiente, politica industriale e ricerca) costituiscono un elemento di fondamentale importanza.

Il 2010 ha visto la partecipazione del vertice del Gruppo alle delegazioni ufficiali che hanno ricevuto i leader di Russia e Cina, oltre a una ricca attività di rapporti istituzionali con il Brasile, dove Pirelli è presente da più di 80 anni. In occasione della visita del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a giugno 2010, è stato deciso di varare il Business Council Italo-Brasiliano, con la partecipazione di Pirelli.

Nel 2010 il Gruppo ha festeggiato due importanti anniversari: i 50 anni di attività in Turchia e la pietra miliare dei 100 anni in Argentina. Sono state due occasioni anche per rafforzare le relazioni con queste due nazioni e le loro istituzioni. Per la Turchia, Nihat Ergun, ministro per l’Industria e il Commercio, e Egemen Bagis, ministro per gli Affari Europei, hanno partecipato agli eventi: la conferenza stampa di inaugurazione della “fabbrica dei campioni” a Izmit, dove vengono prodotti tutti i pneumatici per la Formula 1 e le altre attività di Motorsport, e una cena di gala a Istanbul con gli importanti stakeholder di Pirelli in Turchia. In Argentina, il Presidente Cristina Fernández de Kirchner ha voluto essere madrina della cerimonia in onore di un secolo di lavoro e di commercio nel Paese, e dell’annuncio di nuovi investimenti per il prossimo futuro.

Le relazioni istituzionali sono state particolarmente intense in Russia e in Messico, in previsione di nuovi progetti industriali. Nel mese di novembre, grazie anche ai buoni legami istituzionali, sono stati annunciati sia l’avvio della costruzione di un nuovo stabilimento in Messico per la produzione di pneumatici di alta gamma per tutto il mercato Nafta, sia un’ampia joint venture a tre con Russian Technologies e Sibur Holding, mirata allo sviluppo di attività congiunte nel settore dei pneumatici, dello steel cord, nella fornitura e nella produzione ad alta tecnologia dei derivati della gomma sintetica in Russia. Per sottolineare l’importanza di quest’ultimo accordo, Pirelli ha scelto la Russia come location per i lancio del Calendario Pirelli 2011, firmato Karl Lagerfeld. L’evento, di risonanza mondiale, è stato partecipato da importanti esponenti delle istituzioni moscovite.

Nel mese di dicembre, infine, il Gruppo ha firmato un accordo, insieme al ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna e il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, per ampliare e rinnovare fino al 2013 la cooperazione sanitaria internazionale già avviata nel 2008 tra l’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano e l’Ospedale di Slatina, in Romania, con l’obiettivo di supportare l’aggiornamento professionale del personale medico e infermieristico romeno attraverso un piano di formazione coordinato dalla struttura milanese. L’iniziativa fa parte dell’impegno di Pirelli in iniziative sociali a sostegno delle comunità locali in cui la società è presente con propri siti produttivi.